MALESIA

Asia

Malesia - Kuala Lumpur
Malesia - Kuala Lumpur
Malesia - Malacca
Malesia - Cameron Highlands
Malesia - Penang
Malesia: Moschea Nazionale Masjid Negara
Malesia - Kek Lok Si Temple
Malesia - Wat Chayamangkalaram
Malesia - Kuala Lumpur

Easy Malesia


La Malaysia è chiamata la “Terra dei mille incanti”. Si perché questo paese affascina per la così ampia varietà di paesaggi, monumenti, culture e religioni. Si tratta di un paese multietnico, una meta fantastica per i buongustai, dove si possono trovare tradizioni culturali elaborate nei secoli da mercanti europei, indonesiani, indiani e cinesi. Attraverso questo tour si potrà visitare: Kuala Lumpur, l’interessante capitale, caratterizzata dalla presenza di costruzioni avveniristiche come le Petronas Towers e la zona di China Town dove si trovano templi hinduisti e buddhisti a fianco di moschee, perfetto simbolo della multiculturale Malesia; Putrajaya il centro amministrativo; Melaka, città storica patrimonio dell’UNESCO; le Camerong Highlands con le piantagioni di tè; Penang con i suoi numerosi templi; la foresta pluviale di Belum. Già solo con questa introduzione si apprende come la Malaysia sia in grado di offrire davvero tanto a chi desidera conoscerla. Vivi la magia di questo Viaggio di gruppo in Malesia con Asian Explorer, il Tour Operator Specializzato in Viaggi in Malesia con sede in Italia. Chiedi un preventivo personalizzato.

Tipologia

Viaggio di gruppo a date fisse

Durata

9 giorni - 6 notti

IMPORTANTE

Il tour è accompagnato da una guida parlante ITALIANO

Partenze

Dall'Italia ogni Sabato dal 12 Gennio al 23 Febbraio e ogni Domenica dall'1 Aprile al 20 Settembre 2019.
Dal 3 Luglio all'11 Settembre 2019 ci sono partenze aggiuntive ogni Mercoledì

Sistemazione

In Hotel categoria Superior o Deluxe

Trattamento

Come da programma

Trasporti

Vengono effettuati con veicoli privati con aria condizionata

Voli

Di linea in classe economica da Milano, Roma e i maggiori aeroporti italiani

Note

Per l'entrata nella foresta di Belum è necessaria una copia del proprio passaporto

1° GIORNO: Partenza dall'Italia

Partenza dall’Italia con volo di linea. Pasti e pernottamento a bordo.

2° GIORNO: Arrivo a Kuala Lumpur e Tour della Città

Arrivo all’aeroporto internazionale KLIA di Kuala Lumpur, incontro con un nostro assistente e trasferimento all’hotel prescelto.
Ore 13.45 Partenza per il giro città di Kuala Lumpur: moderna capitale Asiatica della Malesia, ricca di attrazioni cominciando dal Palazzo Reale, residenza del Re della Malesia, dove si effettuerà una sosta per le foto. Si procede con la visita al Monumento Nazionale, che commemora i caduti della lotta di liberazione della Malesia dal dominio inglese. Costeggiando la Stazione Ferroviaria in stile islamico moresco si giunge poi alla Moschea Nazionale, al tempio cinese Thean Hou e infine alla Piazza dell’Indipendenza. Il tour termina con una sosta fotografica alle iconiche Petronas Twin Towers e rientro in hotel.
Alle ore 19:15 incontro con la guida e trasferimento in un tipico ristorante locale per la cena, dove si assisterà ad uno spettacolo culturale e di colorate danze locali. Il menu permetterà di assaggiare svariate pietanze tipiche malesi, cinesi, indiane e altre delizie locali. Rientro in hotel.
Pernottamento al Pullman Hotel & Residence di Kuala Lumpur o similare.

Kuala Lumpur
In meno di 200 anni, a partire da un insediamento minerario strappato alla giungla, Kuala Lumpur (KL) è divenuta una ricca capitale del XXI secolo con uno straordinario mix culturale: malesi, cinesi, indiani ed inglesi l’hanno plasmata, ciascuno lasciando tracce fisiche indelebili e affascinanti tradizioni culturali. Kuala Lumpur emana un fascino particolare fatto di antichi templi e moschee addossati a grattacieli e centri commerciali, di bancarelle traboccanti di durian dall’odore pungente e di finte borsette griffate, con la monorotaia che sfreccia fra macchie di giungla e la gente del posto che si concede spuntini nei café con wi-fi o presso le bancarelle di strada, Cucina e shopping sono l’essenza di Kuala Lumpur ma anche i dintorni offrono magnifiche gite in giornata.
Oltre ai siti d’interesse turistico più importanti, non si può mancare di esplorare qualcuno dei fantastici centri commerciali della città anch’essi elementi essenziali di una visita di questa città.

Petronas Towers
Queste due torri gemelle, sede della compagnia nazionale del petrolio e del gas Petronas, sono diventate l’immagine-simbolo della Kuala Lumpur contemporanea. Con i loro 88 piani distribuiti su quasi 452 m d’altezza e il rivestimento in acciaio, sembrano due razzi spaziali usciti da un fumetto, una rappresentazione dell’ascesa della città da baraccopoli di minatori a grande e moderna metropoli, lanciata verso il futuro.
Sono state progettate dall’architetto argentino Cesar Pelli, e presentano una pianta a forma di stella a otto punte che richiama uno dei principali motivi iconografici della tradizione islamica. Altri elementi che riportano alla cultura araba sono la struttura a cinque livelli sovrapposti di ogni torre (simbolo dei cinque pilastri dell’Islam) e i pennoni alti 63 metri sulla sommità, che evocano i minareti di una moschea e la stella dell’Islam.

La Moschea Nazionale (Masjid Negara)
Questa gigantesca moschea, che si ispira alla Grande Moschea della Mecca, è’ il principale luogo di culto dei musulmani malesi di Kuala Lumpur. La cupola principale, rivestita di piastrelle azzurre, ha un’insolita forma “ad ombrello” con 18 punte: 13 simboleggiano gli stati della Malaysia e cinque i pilastri dell’Islam. Il richiamo alla preghiera diffuso dal minareto, che si slancia fino a 74 metri di altezza, si sente echeggiare per tutta Chinatown.

3° GIORNO: Kuala Lumpur - Escursione Malacca - Kuala Lumpur

Prima colazione in hotel.
Ore 08.15 Partenza per la storica città di Malacca che si trova a circa 2 ore di strada a Sud di Kuala Lumpur: città ricca di templi, mercati e moschee, nel centro sono ancora conservati gli originari edifici storici che le hanno permesso di ricevere nel 2008 un riconoscimento storico da parte dell’UNESCO.
Il tour avrà inizio con una suggestiva escursione in barca sul Melaka River; giunti in centro, passeggiata lungo Jonker Street, la strada principale di Chinatown rinomata per i suoi antichi negozi. Qui sarà possibile visitare il Museo “Baba-Nyonya” (che mostra la storia locale delle etnie cinesi dello Stretto di Malacca conosciuti anche come Peranakan).
Proseguimento per Harmony Street, così chiamata perchè i templi delle maggiori religioni della regione convivono qui pacificamente. Visita dell’antico Tempio Cinese Cheng Hoon Teng e della Moschea di Kampung Kling, della Piazza dell’Orologio con lo Stadhuys (Municipio) in stile Olandese. Si continua salendo sulla collina di San Paolo con le rovine dell’omonima Chiesa e terminando il tour presso la “Porta de Santiago”, unica traccia rimasta dell`ultimo bastione dell’antica Fortezza portoghese “A Famosa” distrutta dagli Inglesi. Pranzo in ristorante locale. Nel pomeriggio rientro a Kuala Lumpur. Cena libera e pernottamento al Pullman Hotel & Residence di Kuala Lumpur o similare.

Malacca (Melaka)
Quando Kuala Lumpur era una palude malarica e Penang non era ancora la “Perla d’Oriente” Melaka era già un porto commerciale tra i più importanti del Sud-est asiatico. Con il tempo soppiantata da Singapore, divenne una cittadina sonnolenta rispetto alla più dinamica vicina, preservando però le architetture e lo stile di vita tradizionale che oggi ne fanno una meta turistica apprezzatissima. Dichiarata Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO nel 2008.
Il fascino di Melaka deriva dal suo eclettico panorama culturale malese, cinese, indiano ed europeo, e ai quieti Kampung (villaggi) sparsi tra le foreste, le fattorie e le spiagge dello stato. Nel corso delle generazioni, questo insieme di caratteristiche ha dato luogo a diverse varianti della tradizione gastronomica locale, come la famosa cucina nonya di origine sino-malese, talmente deliziosa da giustificare da sola una visita.

Melaka Città
La parte più famosa della città è sicuramente la Chinatown che è stata dichiarata Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO nel 2008 entrando nel novero delle destinazione turistiche più visitate della Malaysia. Il suo fascino è rimasto pressoché intatto soprattutto grazie ai suoi artisti, ai cuochi e ai fantasiosi risciò a tre ruote. Con la moschea, la chiesa cattolica e il tempio buddhista più antichi e tuttora in funzione di tutto il paese, oggi la città è improntata allo spirito della tolleranza (che del resto l’ha sempre caratterizzata nel corso dei secoli) e accoglie visitatori di ogni credo mentre il fascino della vita moderna si amalgama perfettamente con le fantastiche architetture peranakan, portoghesi e oldandesi. Completa il quadro una straordinaria tradizione culinaria. Dai piatti tipici peranakan alla cucina portoghese di stampo eurasiatico e ai negozietti indiani che servono i pasti su foglie di banano, gli aromi che si diffondono in tutta la città rendono ancora più pittoresco il mosaico culturale che fa di Melaka una destinazione cosi straordinaria.
Durante i quieti giorni feriali è facile riuscire a percepire la magia antica di questa città.
La parte del Centro Storico della città conta vari musei raggruppati lungo Jln Kota.
La Porta de Santiago
Merita una breve sosta per scattare una foto, questo forte fu costruito dai portoghesi nel 1511. Nel 2006, durante i lavori di costruzione della torre girevole Menara Taming Sari, venne ala luce un altro tratto delle famose mura della fortezza. Di conseguenza la torre venne spostata verso l’entroterra.
St. Paul’s Church e Christ Church
Questa Chiesta, alla quale si accede tramite una rapida scalinata, fu costruita da un capitano portoghese nel 1521. Accarezzata dalla brezza, la chiesa gode di un panorama che abbraccia tutta Melaka dalla cima della Bukit St. Paul.
Qui si recava regolarmente Francesco Saverio e qui fu sepolto per 9 mesi dopo la morte, avvenuta in Cina, prima di essere trasferito a Goa. I visitatori possono vedere la vecchia tomba e al centro della chiesa e all’esterno, la statua di marmo che ritrae il santo.
Nel 1590, quando gli olandesi portarono a termine la Christ Church ai piedi della collina, St. Paul cadde in disuso. Durante il dominio inglese venne costruito un faro e la chiesa finì per essere utilizzata come polveriera.
Stadthuys
Il simbolo più inconfondibile di Melaka, e il punto di sosta preferito dai risciò, è l’imponente Stadthuys (municipio) color rosa salmone, che ospitava la residenza del governatore, considerando l’edificio olandese più antico di tutto l’Oriente essendo stato costruito poco dopo la conquista batava di Melaka nel 1641.
Il palazzo riproduce l’antica Sthaduis della cittadina frisone di Hoorn, nei Paesi Bassi.
Jonker Strett, un tempo famosa per i negozi di antiquariato mentre oggi è sede di ristoranti e numerosi negozi di abbigliamento e artigianato.

4° GIORNO: Kuala Lumpur - Cameron Highlands

Prima colazione in hotel.
Ore 08.15 incontro con la guida e partenza verso il nord della Penisola e le Cameron Highlands.
Si risalirà la Penisola Malese fino alla cittadina di Tapah, da dove inizia la strada di montagna che porta fino ad un’altezza di 1500 metri nel mezzo di una rigogliosa vegetazione tropicale e grandi boschi di bambù. Lungo il percorso sosta alla cascata Iskandar e in alcuni piccoli e semplici villaggi abitati dagli Orang Asli, gli aborigeni della Penisola Malese che in gran parte vivono ancora oggi di raccolta di fibre naturali nella giungla e di caccia.
L`arrivo all’altopiano delle Cameron Highlands è previsto nel pomeriggio.
Nel pomeriggio sosta per un piacevole e caratteristico Afternoon Tea e visita di alcuni mercati di frutta e verdure locali. Pranzo e cena liberi.
Pernottamento allo Strawberry Park Resort di Cameron Highlands o similare.

Cameron Highlands
Si tratta della hill station più estesa della Malaysia, immersa in un paesaggio di montagna fatto di vette azzurre, vergi colline ondulate, piantagioni di té avvolte dalla foschia, piccoli centri abitati e qualche cascata che biancheggia qua e la. Trekking, degustazioni di tè e visite alle aziende agrituristiche locali sono le attività offerte dalla zona. E soprattutto, con un’altitudine che va da 1300 m a 1829 m, la temperatura raramente sale sopra i 21°C.

5° GIORNO: Cameron Highlands - Penang

Prima colazione in hotel.
Ore 08.00 partenza dall’hotel per la visita di una piantagione di tè dove si assisterà ai vari processi di lavorazione. Si inizia quindi la discesa verso Ipoh, capitale dello Stato del Perak dove si camminerà tra le vecchie vie della piccola cittadina; visita ad uno dei tanti Templi Buddisti scavati nella roccia. Proseguimento verso nord fino a raggiungere la Città reale di Kuala Kangsar con la sua bellissima Moschea Ubudiah, tutta bianca ed oro ed il profile del Palazzo del Sultano del Perak. Pranzo libero.
Salendo sempre verso nord, si giunge infine a Bukit Merah sul cui lago, e raggiungibile con una barca, si trova un isolotto sede del Centro Conservazione degli Orang Utan, unico nel suo genere qui nella Penisola Malese. Qui questi animali hanno a disposizione la piccola isola dove cercare di recuperare le loro abitudini istintive di vita a contatto con la natura dopo essere stati trovati feriti oppure orfani.
Dopo la visita al centro il viaggio riprende verso Penang. Arrivo sull’isola attraversando uno dei ponti più lunghi d’Asia, il “Penang Bridge” lungo esattamente 13.5 Km.
Check-in in hotel. Pranzo e cena liberi.
Pernottamento al Jen Hotel di Penang o similare.

La piantagione di tè è chiusa al pubblico il lunedi e durante i giorni di festa nazionale.
L’escursione all’isola degli Oranghi potrebbe non risultare possibile a causa del basso livello dell’acqua.

Il Tempio di Perak Tong fu fondato nel 1926 da un monaco buddhista e si sviluppa in un imponente complesso di grotte e caverne con straordinari dipinti sulle pareti interne che comprendono alcune interessanti giustapposizioni del Buddha theravada del Sud-est asiatico e del Buddha e dei santi buddhisti della tradizione cinese. Questa grotta è situata a 6 Km a nord di Ipoh, una delle città di medie dimensioni più gradevoli della Malaysia, ricca di architettura di epoca coloniale, sbiadite residenze tropicali, gente simpatica e disponibile e una delle cucine migliori del paese.
L’elegante struttura della sua “Old Town” rievoca l’antica ricchezza del passato generata dai giacimenti di stagno della Kinta Valley, quando Ipoh era uno dei centri più prosperi e facoltosi del Sud-est asiatico.

6° GIORNO: Penang - Banding

Prima colazione in hotel.
Ore 08.15 partenza per la visita della città di Georgetown: le sue peculiari caratteristiche storiche, hanno reso la città sito UNESCO.
L’escursione prevede la visita del Kek Lok Si Temple, complesso di 7 templi ed una bella Pagoda situato in cima ad una collina che domina la città ed il più grande tempio buddista di tutta la Malesia.
Proseguimento passando accanto alle rovine di Fort Cornwallis, sede del distaccamento militare/coloniale inglese e da qui, a piedi, ci si inoltrerà nelle tipiche vie del vecchio centro storico: case in stile malese/cinese con tanti muri affrescati da interessanti murales; tipici mercati all’aperto che daranno uno spaccato di vita quotidiana e negozietti di artigiani locali che ancora oggi fabbricano a mano utensili, bacchette di incensi da usare nei templi, piccoli artigiani che producono dolcetti locali.
Dopo essere passati di fronte alla Kapitan Kling Mosque ed alla bella St.George Church, simbolo della grande comunità cristiana locale, si camminerà attraverso le strette vie dove sorgono vecchi complessi di abitazioni della comunità cinese/malese Peranak. Visita della dimora del clan Khoo Kongsi: un quartiere appartenente a questa influente famiglia con un suo proprio Teatro Cinese e, soprattutto, uno splendido tempio tutto lavorato ed intarsiato.
Al termine del tour rientro in hotel per ritirare i bagagli e trasferimento via terra fino a Banding e la Belum Rainforest (Tempo di percorrenza: circa 3 ore ½)
Arrivo a Banding e check-in in hotel.
Pranzo e cena liberi.
Pernottamento al Belum Rainforest Resort di Banding o similare.

Penang
Perla d’Oriente”, il nomignolo dell’isola di Penang, evoca romantici risciò a pedali e shophuse cinesi, fiumi azzurrini d’incenso e un aroma pungente di
peperoncino, templi riccamente decorati, sari trapunti d’oro in vetrina e moschee da cui il muezzin annuncia la preghiera di mezzogiorno. E si scoprirà che queste ed altre fantasie, sono quasi sempre la realtà…Se a questo si aggiungono moderni ed eleganti caf°, asettici centri commerciali, giungle e spiagge bianche si avrà un quadro ancora più accurato.
Posta sul braccio di mare che collega le due metà dell’Asia cinese e indiana, Penang è un punto di contatto fra i grandi regni e gli imperi coloniali del continente, tra i mercanti dell’Europa e del Medio Oriente. Oggi la cultura di questa terra, forgiata da decenni di colonialismo, scambi commerciali e attività turistica, è una fra le più tolleranti e cosmopolite della Malaysia.

Kek Lok Si Temple
Il “Tempio della Beatitudine Suprema” è anche il più grande tempio buddhista della Malaysia, nonché uno degli edifici più riconoscibili del paese. Il Kek Lok Si rappresenta un punto di riferimento per la comunità sino-malese locale che ne ha sovvenzionato la costruzione, iniziata nel 1890 e protrattasi nell’arco di 20 anni, e tutti i successivi ampliamenti.
Per raggiungere l’ingresso del tempio si deve attraversare un dedalo di bancarelle di souvenir e superare alcuni torbidi stagni popolati di pesci o tartarughe, sino ad arrivare alla Ban Po Thar (Pagoda dei Diecimila Buddha), una torre di 7 piani alta 30 metri. Si dice che la parte alta sia di disegno birmano, quella inferiore cinese e quella al centro thailandese. Una funicolare conduce alla parte superiore, dominata da un’imponente statua di bronzo alta 36,5 m di Kuan Yin, dea della misericordia.

Georgetown
E’ una città davvero particolare caratterizzata da una grande atmosfera caotica e dall’assenza di marciapiedi. Riesce ad affascinare per la sua esplosiva miscela culturale e i suoi spazi urbani perfetti per un film d’azione.
Risciò a tre ruote, turisti con macchina fotografica e gente del posto percorrono incessantemente il dealo di strade e vicoli in mezzo a un tripudio di lasciti architettonici del Raj britannico, file di lanterne di carta, pub retro-chi, boutique e café paragonabili ad una città dell’Occidente.
E’ consigliabile arrivare a stomaco vuoto perché dalle bancarelle in strada ai moderni ristoranti alla moda, questa è la capitale culinaria della Malaysia.
Sebbene ogni distretto possieda caratteri ben riconoscibili, le sovrapposizioni sono inevitabili; si incontreranno pertanto templi cinesi a Little India così come moschee a Chinatown. Si potranno assaggiare in sequenza deliziosi curry indiani, speziate specialità malesi e fantasiosi noodles cinesi. E per confondere ancora più le cose, fuori dalla città vecchia si vedono incombere grattacieli in stile occidentale e imponenti centri commerciali.

Wat Chayamangkalaram
Il Tempio del Buddha Disteso è una tipica struttura thailandese con tetto a cuspide e un elaborato soffitto; all’interno ospita un Buddha disteso lungo 33 metri e avvolto in una tunica color zafferano ricoperta di foglie d’oro. Il tempio si trova a 2,5 Km a nord-ovest del centro di George Town.

Khoo Kongsi
I kongsi o sedi dei clan, costituiscono fondamentali punti di riferimento per le comunità cinesi d’oltremare e il Khoo Kongsi è il più grande e significativo di Penang. Il clan dei Khoo, che riesce a ricostruire la propria genealogia fino a 25 generazioni addietro, conosce da molto tempo l'agio e la prosperità e ama farlo sapere al mondo. Nell’atrio e nei padiglioni danzano sculture in pietra, molte delle quali rappresentano (o vogliono attirare) la ricchezza e la buona sorte. L’interno è caratterizzato da incredibili dipinti murali raffiguranti compleanni, matrimoni e i 36 temibili guardiani celesti.

7° GIORNO: Banding

Prima colazione in hotel.
Ore 08.45 Partenza per la visita dell’incontaminata isola di Banding e del suo lago che sarà attraversato in barca alla ricerca del fiore più grande al mondo, la “Rafflesia”, che in alcuni casi può superare i 100 cm di diametro e pesare sino a 10 kg. La Rafflesia è considerato il fiore ufficiale dello stato del Sabah in Malesia e la sua immagine è presente anche sulle banconote locali. Si procede poi verso la pista degli elefanti per osservare il luogo in cui questi pachidermi vanno a nutrirsi alla ricerca di sali minerali presenti in un particolare tipo di terreno. Il pranzo al sacco verrà consumato nei pressi di una pittoresca cascata all’interno della foresta e chi desidera potrà anche fare il bagno nelle sue fresche acque. Prima del rientro al resort è prevista una sosta ad uno dei villaggi aborigeni, “Orang Asli”. Il rientro al Resort è previsto nel tardo pomeriggio. Cena libera.
Pernottamento al Belum Rainforest Resort di Banding o similare.

Orang Asli
Il nome Orang Asli significa “gente originaria” o “prima gente”. Vivono tutti nella zona peninsulare della Malaysia. Ad oggi esistono circa 60.000 Orang Asli dei quali, circa il 60% vive nella foresta. Circa il 40% vive lungo o vicino alla costa. Ognuno di queste tribù ha una propria cultura o linguaggio e ognuna si percepisce diversa dalle altre. Linguisticamente, alcuni dei gruppi Orang Asli del nord parlano un linguaggio che suggerisce un legame con la popolazione indigena della Birmania, Thailandia e Indocina.
Sono classificati in 3 differenti gruppi: Senoi, Orang Malayu Asli e Negrito.
Il nome “Negrito” suggerisce che questa popolazione arriva dalla Papua Nuova Guinea o dall’ East Africa e hanno pelle più scura e capelli ricci. Altri gruppi hanno invece pelle più chiara e capelli lisci. I Negrito vivono nel nord o nord-est della zona peninsulare e per la maggior parte vivono nella giungla. Sono una tribù semi-nomade. Solo pochi di loro vivono nelle aree urbane e hanno un lavoro stipendiato.

8° GIORNO: Banding - Kota Bharu

Prima colazione in hotel.
Partenza dal Belum per la città di Kota Baru e trasferimento in aeroporto per l’imbarco sul volo per Kuala Lumpur e di seguito volo per l’Italia.

9° GIORNO: Arrivo in Italia

Arrivo in Italia e fine dei servizi.

QUOTE PER PERSONA IN EURO

Partenze ogni Domenica
Cat. Superior
PartenzeIn Camera DoppiaIn Camera SingolaIn Camera Tripla
dal 12/01/19 al 23/02/192.3352.7602.280
dal 31/03/19 al 20/10/192.1602.5502.090

Gli hotel indicati nell’itinerario possono subire variazioni in base alla disponibilità.
Si possono avere quotazioni con strutture di categoria superiore.


La quota comprende:
1) i passaggi aerei in classe economica speciale con voli di linea.
2) al momento della prenotazione verificate che il nome comunicato corrisponda esattamente
3) a quello riportato sul passaporto. Eventuali spese di riemissione a causa di nomi comunicati errati saranno a carico del cliente.
A tale proposito consigliamo di trasmettere via fax o e-mail la copia del passaporto.
2) per evitare spiacevoli imprevisti preghiamo i cittadini con passaporto straniero di comunicarlo in fase di preventivo, o nel momento stesso della prenotazione, per verificare eventuali visti d’ingresso richiesti.
3) le quote di partecipazione sono calcolate utilizzando una “tariffa aerea speciale” in classe economica. In fase di prenotazione, se non ci fosse disponibilità nella classe speciale, le quotazioni potrebbero subire delle variazioni di prezzo.
• I trasferimenti da/per Aeroporto
• Pernottamento negli hotel indicati nell’itinerario che possono subire variazioni in base alla disponibilità.
• Trattamento come indicato nel programma.
• Trasporto con veicoli con aria condizionata per i trasferimenti dall’aeroporto all’hotel e viceversa e tutte le visite come da itinerario.
• Guida parlante italiano
• Tasse ed entrate ai siti
• Volo interno da Kota Bharu a Kuala Lumpur

La quota non comprende:
• Quota d’iscrizione
• Tasse aeroportuali indicative (il totale delle tasse aeroportuali sarà riconfermato in base alla compagnia aerea utilizzata ed eventuali fuel surcharge soggetti a riconferma in fase di emissione biglietti aerei)
• Assicurazione annullamento, medico, bagaglio e ritardo volo
• Bevande, mance facchinaggi ed extra in genere
• Servizi e trattamenti non espressamente indicati
• Eventuali spese per la consegna di bagagli in ritardo
Malesia|20
Malesia
Aggiornamento: 10/01/19 15:17