INDIA

Asia

Kumbh Mela
Kumbh Mela
Popolazione locale
Cerimonia
Victoria Memorial
Varanasi
Varanasi al tramonto

Divinità Indiane: Kumbh Mela e Calcutta


Tipologia

Partenza speciale

Durata

12 giorni - 9 notti

IMPORTANTE

Il tour è accompagnato da guide locali parlanti ITALIANO

Gruppo

Minimo 4 partecipanti

Base 2 partecipanti su richiesta

Partenze

02 Febbraio 2019

Sistemazione

Hotel di prima categoria

Trattamento

Pernottamento e prima colazione escluso ad Allahabad in pensione completa vegetariana

Trasporti

Vengono effettuati con veicoli privati con aria condizionata e autista

Voli

Di linea Qatar Airways in classe economica

1° GIORNO - 02 Febbraio: Italia - Delhi

Partenza dall’Italia con volo di linea Qatar Airways per Doha. Arrivo e coincidenza con volo per Delhi. Pasti e pernottamento a bordo.

2° GIORNO - 03 Febbraio: Delhi

Arrivo all’aeroporto di Delhi. Disbrigo delle formalità doganali e incontro con la guida parlante italiano che sarà presente con un cartello riconoscibile nella sala arrivi e trasferimento all’hotel ITC WelcomHotel Dwarka o similare.
Delhi - la capitale dell'India, è una città affascinante con complessità e contraddizioni, bellezza e dinamismo, dove il passato coesiste con il presente. Molte dinastie hanno governato da qui e la città è ricca nell'architettura dei suoi monumenti. Delhi non è solo l'attuale metropoli dell'India ma anche una necropoli. In mattinata visita della città vecchia di Delhi, passando in auto allo storico FORTE ROSSO (solo dall'esterno). Molto vicino al Forte c'è il JAMA MASJID (la Moschea del Venerdì), la più grande moschea indiana, anch'essa costruita da Shah Jahan. Giro in risciò molto divertente ed interessante attraverso i famosi bazar di Chandni Chowk, che è adiacente al Forte e alla Moschea.
Visita anche al RAJ GHAT, il memoriale del Mahatma Gandhi.
Nel pomeriggio visita guidata della città di Nuova Delhi.
Visita THE TOMB OF HUMAYUN, la magnifica struttura in arenaria rossa e marmo bianco, è uno dei migliori esempi di “tomba da giardino” e precursore del Taj Mahal. I suoi spazi proporzionati, doppia cupola e raffinata eleganza sono caratteristiche dell'architettura Mughal. Si passerà anche per l’ INDIA GATE, il memoriale della Prima Guerra Mondiale e la strada che porta a RASHTRAPATHI BHAWAN - la residenza del Presidente dell'India, che è fiancheggiata dalle case del Parlamento e dagli edifici del Segretariato del Governo. Pernottamento a Delhi presso l’Hotel ITC WelcomHotel Dwarka o similare.

Delhi
Appena giunti in città il traffico inestricabile fatto di auto, camion, biciclette, bus, motociclette e tuk tuk che rumoreggiano con i clacson assordanti, misto al traffico di pedoni, carretti tirati da uomini-cavallo, carri trainati da buoi e vacche sacre che pascolano libere, ci fa piombare in una dimensione a metà fra medioevo e modernità. Questa non è soltanto Delhi, l’India è così. Un esercito di uomini e animali in movimento, ognuno con il suo da fare. Ma oltre al caos, Delhi offre momenti di relax nei numerosi parchi della città nuova o sulle rive della Yamuna.
Shahjahanabad è la città che ancora oggi corrisponde alla famosa Old Dehli, ovvero la Delhi Moghul, edificata dall’imperatore Shan Jahan nel XVII secolo.
Il Forte Rosso: sulle rive della Yamuna, sorge una delle costruzioni più imponenti di tutta l’India: il Lal Qila o comunemente detto il Forte Rosso. Il nome originario del forte significa “forte del buon auspicio” e le sue dimensioni coprono circa 3 Km quadrati e le mura di fortificazione, alte da 20 a 30 metri erano cinte da un ampio fossato alimentato dalle acque del fiume. La porta principale. Lahori Gate, costruzione a tre piani sormontata da torri chatri, si apre a ovest del forte e guarda sulla città vecchia in direzione della Jama Masjid.
All’interno del Lahori Gate si attraversa il Chatta Chowk, l’antico “mercato delle donne di corte”, poi la casa dei tamburi, Naubat Khana da dove si avvisava dell’arrivo degli ospiti, diversi palazzi tra cui quello delle perle (Moti Mahal) che ospitava la figlia prediletta del re, il palazzo dei colori (Rang Mahal) che ospitava l’appartamento della prima moglie del sovrano e il palazzo privato dell’imperatore (Khas Mahal). Superano l’Hammam, i bagni reali si ergono le 3 cupole a cipolla della Moti Masjid, Moschea della Perla. La Jama Masjid, la Moschea del Venerdi si trova al centro del vecchio quartiere musulmano di Chandni Chowk.
Uscendo dalla Moschea dalla porta settentrionale ci si trova nel cuore della città vecchia: Chandni Chowk, il Quartiere della Luna, un labirinto di vie che si attorciglia tra le case come in un fitto ricamo, ristoranti per indiani e botteghe di artigiani riempiono questo bazar infinito.
Meno di 2 Km a sud del Forte Rosso si incontra il Raj Ghat, il memoriale eretto nel luogo in cui avvenne la cremazione del Mahatma Gandhi. Poco più a nord, nel parco Shanti Vana, foresta della pace, vennero cremati: nel 1964 Jawaharlal Nerhu, il primo capo del Governo dell’India indipendente; nel 1984 sua figlia Indira Gandhi e nel 1991 Rajiv Gandhi.
A New Delhi l’architettura è sicuramente una rappresentazione del potere ed esprime qui tutto il rigore, la fermezza e la forza di tale potere.
Il Rajpath, il viale imperiale che dal Palazzo Presidenziale arriva fino all’India Gate, è lungo quasi 4 Km. Lungo questo viale immerso in bellissimi giardini e fontane, si svolgevano tutte le parate e le celebrazioni ufficiale del British Raj ed è oggi una delle arterie stradali più importanti della città, teatro della rappresentazione del potere dell’India moderna. All’estremità occidentale del Rajpath, si erge il Rashtrapati Bhavan, il Palazzo Presidenziale. Lungo il viale si trovano poi la sede del Ministero dell’Interno e delle Finanze e del Ministero degli Esteri. Nel monumentale palazzo circolare verso Nord, si trova il Sansad Bhavan, sede del parlamento indiano. Verso oriente si trova il National Museum, uno dei musei più belli di tutta l’India.
Uno dei monumenti più interessanti di Delhi è il Mausoleo di Humayun, costruito a partire dal 1556 dalla moglie di Humayun, Haji Begum e si tratta del primo esempio di tombe monumentali della dinastia Moghul. Questa costruzione segna una svolta importante nella storia dell’arte e dell’architettura persiana ed è stato preso come modello per sviluppare il progetto del Taj Mahal, il capolavoro dell’arte Moghul. Il mausoleo è opera di architetti persiani che, con grande maestria, hanno unito le regole dell’architettura centro-asiatca con elementi decorativi induisti. Viene usato materiale come pietra arenaria rossa e marmo bianco.
All’interno di un parco, 15 chilometri a sud di Delhi, in direzione di Gurgan, sorge il complesso monumentale del Qtub Minar. La torre fu edificata da Qtub-ud-Din-Aibak a partire dal 1197 all’epoca delle prime grandi invasioni da parte degli arabi e simboleggia la vittoria su un sovrano indù, mentre nel 1193 iniziò la costruzione della prima moschea dell’India. Si erge in gran parte in rovina, su un antico complesso di un tempio indù che contava numerosi luoghi sacri e che fu distrutto per fare posto alla moschea.

3° GIORNO - 04 Febbraio: Delhi - Agra (210 Km - 5 ore circa)

Dopo la prima colazione, partenza per Agra e sistemazione presso l’hotel Crystal Sarovar Premiere. Nel pomeriggio visita Taj Mahal.
TAJ MAHAL - monumento d'amore, che fu costruito a metà del XVII secolo dall'imperatore Moghul Shah Jehan per la moglie Mumtaz Mahal. Visita il Taj Mahal sicuramente il più grande monumento all'amore e una delle meraviglie del mondo moderno. Completato nel 1652, abili artigiani della Persia, della Turchia, della Francia e dell'Italia e circa 20.000 operai lavorarono per 22 anni per costruire questo edificio, costruito dall'imperatore Shah Jehan come mausoleo per la sua amata regina Mumtaz Mahal. Il marmo fu portato da Makrana, vicino a Jodhpur e pietre preziose di onice, ametista, malachite, lapislazzuli, turchese, giada, cristallo e madreperla furono trasportate ad Agra dalla Persia, Russia, Afghanistan, Tibet, Cina e Oceano Indiano. Al terminde della visita si proseguirà per il forte di Agra, costruito da tre imperatori Mughal a partire da Akbar il Grande nel 1565 d.C. Capolavoro di design e costruzione, all'interno del forte ci sono una serie di edifici bellissimi tra cui il Moti Masjid, il Jahangir's Palace, Khaas Mahal e lo Sheesh Mahal, Diwane-i-Am, Diwane-i-Khas e Musamman Burj, dove l'imperatore Shah Jahan, il quinto imperatore Mughal morì prigioniero.
Pernottamento ad Agra presso l’Hotel Crystal Sarovar Premiere o similare.

Agra
Insieme a Delhi e Jaipur forma il “triangolo d’oro” del turismo indiano e una delle zone più visitate del subcontinente.
Situata a 202 chilometri a sud-est di Delhi e a 240 chilometri a est di Jaipur sulle sponde del fiume Yamuna, la città ha un aspetto moderno ed è un importante nodo stradale e ferroviario. Ma la sua notorietà è legata al simbolo dell’arte Moghul, il Taj Mahal, che sorge nei pressi del fiume nella parte orientale della città. La fondazione della città attuale risale al 1475 per opera di Badal Singh re Rajput che costruì il suo forte sull’antica Agrabad (antico nome di Agra).
La storia della città diventa importante dal 1526 quando l’imperatore Moghul Babur, penetrato in India dal Punjab, sconfigge il sultano della dinastia dei Lodi, conquista Delhi e Sikandra e si stabilisce nel vecchio forte di Agra.
Il primo grande imperatore Moghul era anche un sovrano illuminato, amante della poesia e rispettoso delle tradizioni dei popoli che conquistava. Grazie a questo sovrano la dinastia Moghul governò fino all’arrivo degli inglesi nel 1803. In particolare tra la metà del XVI e la metà del XVII secolo Agra vive il suo periodo di massimo splendore, durante il quale vengono costruiti palazzi e forti, mausolei e giardini e primo fra tutti il Taj Mahal, monumento singolo della dinastia Moghul. Successivamente la città conosce un declino profondo al punto che la capitale viene trasferita a Delhi.
Attualmente Agra è una città ricca di traffici e di commerci ma principalmente basa la sua economia sul turismo; migliaia di viaggiatori ogni anno visitano il meraviglioso Taj Mahal e il Forte Rosso rendendo la città la tappa principale dei viaggi in India del Nord. La costruzione del mausoleo fu iniziata nel 1632, un anno dopo la scomparsa della giovane moglie dell’imperatore, conosciuta come Mumtaz Mahal che significa “il gioiello del palazzo”, morta prematuramente urante il parto del quattordicesimo figlio. La sura del Corano intarsiata nell’arco centrale della Darwaza, principale accesso al Taj Mahal, racchiude sinteticamente le intenzioni dell’imperatore nel costruire questo imponente edificio.
Per godere completamente delle molteplici atmosfere e i segreti che questo mausoleo nasconde è consigliabile visitarlo in vari momenti del giorno, in modo da vedere la diversità dei colori del marmo bianco in base alla luce del sole.
Questo edificio è davvero un prodigio di architettura costruito in modo da avere luce su tre facciate durante il giorno e per rendere la prospettiva dinamica, fluida e armoniosa. Il fine dell’imperatore Shan Jahan era quello di raggiungere la perfezione e la bellezza suprema. Shan Jahan dedicò la sua vita alla costruzione di questo “tempio dell’amore” in onore della sua sposa e pare stesse progettando una costruzione analoga sull’altra sponda della Yamuna, in marmo nero, per ospitare le sue spoglie mortali, unito al TAj Mahal da un ponte d’oro. Il figlio dell’imperatore, prima che potesse avviare questo progetto,, lo depose e lo rinchiuse nel Forte Rosso da dove per il resto dei suoi anni, contemplò il Taj Mahal senza poterlo raggiungere. Nel 1666 a 74 anni Shan Jahan morì e venne sepolto dal figlio all’interno del Taj Mahal, al fianco della moglie Mumts Mahal. Mumtaz Mahal (il gioiello del palazzo) era la preferita tra le oltre 30020 concubine del suo harem. Gli è sempre stata al fianco durante le battaglie fino alla morte. Dopo un lungo periodo di isolamento e di dolore il sovrano decise di onorare la memoria della sua amata sposa con questo maestoso mausoleo.

4° GIORNO - 05 Febbraio: Agra - Lucknow (340 km - 7 ore circa)

Dopo la colazione, proseguimento del viaggio verso Lucknow, un tempo sede del potere degli imperi moghul e britannici. Lucknow è una città raffinata e colta. La capitale dell'Uttar Pradesh vi colpirà per la sua cultura e la tameez, che significa grazia. Lucknow è anche il cuore della cucina reale di Awadhi, e ogni festività qui è destinata a essere una festa. All'arrivo a Lucknow, check-in in hotel. Pernottamento a Lucknow presso l’Hotel Golden Tulip.

5° GIORNO - 06 Febbraio: Lucknow

Prima colazione in hotel. In mattinata visita guidata della cittadina di Lucknow.
BARA IMAMBARA: il nome si riferisce a un santuario costruito dal Nawab Asaf-ud-daula nel 1784, ed è uno dei più grandi edifici di Lucknow. Il nome "Bara Imambara" è una parola in urdu, in cui la parola "Bara" significa grande e "Imambara" significa il complesso del santuario. Il complesso comprende la moschea Asfi e il Bhulbhulaiya o il Labirinto. La moschea Asfi contiene la tomba di Asaf-ud-daula, e il labirinto è l'unico labirinto in India e sostiene la struttura massiccia dell'intero complesso dal sottosuolo. Si potrà visitare anche un altro complesso di congregazione della setta musulmana sciita, THE CHOTA IMAMBARA che fu costruito nel 1838 da Nawab Muhammad Shah Ali. Il complesso funge anche da tomba per il Nawab che è sepolto lì accanto a sua madre. Proprio fuori dal complesso si trova anche il Satkhanda a 4 piani, una torre di avvistamento o un osservatorio incompiuto che avrebbe dovuto avere 7 piani. Il Nawab voleva costruire una torre alta come il Qutab Minar ed è come la Torre di Pisa nel design. Visita dei mercati locali. Pernottamento a Lucknow presso l’Hotel Golden Tulip.

6° GIORNO - 07 Febbraio: Lucknow - Allahabad (210 km - 5 ore circa)

Dopo colazione, partenza per Allahabad. Arrivo e sistemazione in tenda. Resto della giornata libera per le proprie attività. Pensione completa vegetariana e pernottamento ad Allahabad in tenda.

7° GIORNO - 08 Febbraio: Allahabad

Pensione completa. Sveglia di buon mattino per approfondire le spettacolari festività di Kumbh Mela. Fotograferai l'intera giornata in diverse Akahras dove potrai scattare foto di Naga Sadhus e dei loro diversi rituali.
Pernottamento ad Allahabad in tenda.

8° GIORNO - 09 Febbraio: Allahabad - Varanasi (120 km - 3 ore circa)

Prima colazione in hotel. Mattina libera per le proprie attività. Nel pomeriggio, trasferimento a Varanasi.
Varanasi, o Benaras, (noto anche come Kashi) è una delle città viventi più antiche del mondo. La venerazione di Varanasi nella mitologia indù è praticamente non rivelata. Mark Twain, l'autore e la letteratura inglese, rimasto affascinato dalla leggenda e dalla santità di Benaras, una volta scrisse: "Benaras è più vecchio della storia, più vecchio della tradizione, più vecchio persino della leggenda e sembra due volte più vecchio di tutti loro messi insieme”.
All'arrivo a Varanasi, check-in in hotel - Pernottamento a Varanasi presso l’Hotel HHI Varanasi o similare.

9° GIORNO - 10 Febbraio: Varanasi

Prima colazione in hotel. Trasferimento di prima mattina per il giro in barca all'alba lungo il fiume più sacro dell'India, il Gange. Il sorgere del sole sul fiume sacro è veramente tranquillo e da mozzafiato, con pellegrini in piedi in mezzo all'acqua, che pregano il sole nascente. Si proseguirà per l'Università indù Benaras, fondata nel 1916 e il famoso Museo Bharat Kala Bhavan che ospita una delle migliori collezioni di miniature e tessuti di Mughal. Il Tempio Bharat Mata e Durga e infine il famoso tempio Vishwanath con le sue guglie ricoperte d'oro, dedicato a Shiva, la divinità che presiede alla città. Nel pomeriggio trasferimento a Sarnath. Il luogo in cui il Buddha girò la Ruota della Legge e pronunciò il suo primo Sermone. Si ammirerà il Chowkandi e il Dhamek Stupa, le rovine dei monasteri e templi del IX e X secolo, il tempio costruito dalla Società Mahabodhi nel 1931 e il Tempio Tibetano. Visita il famoso Museo di Sarnath.
Visita serale Dashwamedh Ghat per assistere alla preghiera serale sul Santo Gange, ovvero il grande 'Aarti' a Dashwamedh Ghat, condotto ogni tramonto da cinque sacerdoti vestiti di bianco. Questi cinque giovani oscillano in movimenti apparentemente coreografati, adorando la dea del fiume con incenso, canfora, fiori e lampade di terra. Migliaia di lampade illuminate sono immerse nelle acque del sacro Gange e le lampade galleggianti aggiungono al tramonto un aspetto divino. Pernottamento a Varanasi presso l’Hotel HHI Varanasi o similare.

10° GIORNO - 11 Febbraio: Varanasi - Calcutta

Prima colazione in hotel e mattinata libera o libera per le proprie attività (Check-out secondo la politica dell'hotel)
Nel tardo pomeriggio trasferimento all'aeroporto di Varanasi per imbarcarsi sul volo per Calcutta alle ore 19.30. Arrivo a Calcutta aslle ore 20.50. Incontro con nostro rappresentante locale parlante italiano, assistenza e trasferimento in hotel. Kolkata, Bengali Kalikata, precedentemente Calcutta, città, capitale dello stato del Bengala occidentale ed ex capitale (1772-1911) dell'India britannica. È una delle città più grandi dell'India e uno dei suoi porti principali. La città è centrata sulla riva orientale del fiume Hugli (Hooghly), una volta il canale principale del fiume Gange, circa 154 km a monte della punta del Golfo del Bengala; lì la città portuale si sviluppò come punto di trasbordo dall'acqua alla terra e dal fiume al mare. Pernottamento a Calcutta presso l’Hotel HHI Kolkata o similare.

11° GIORNO - 12 Febbraio: Calcutta

Dopo la prima colazione, check-out dall'hotel e visita della città:
MADRE HOUSE: The Missionaries of Charity (in latino: Missionariarum a Caritate) è una congregazione religiosa cattolica (Chiesa latina) fondata nel 1950 da Madre Teresa, ora conosciuta nella Chiesa cattolica come Santa Teresa di Calcutta. I missionari si prendono cura di coloro che comprendono rifugiati, ex prostitute, bambini malati di mente, bambini malati, bambini abbandonati, lebbrosi, persone con AIDS, anziani e convalescenti. Hanno scuole gestite da volontari per educare i bambini di strada e gestire le mense e altri servizi in base alle esigenze della comunità. Questi servizi sono forniti, gratuitamente, alle persone indipendentemente dalla loro religione o status sociale.
KALIGHAT: Il famoso tempio Kalighat Kali Temple dedicato alla dea Kali si trova a Kalighat. Questo è uno dei 51 Shakti Peethas. Si dice che la punta destra di Dakshayani Sati sia caduta qui. La Shakti qui è conosciuta come Dakshina Kalika, mentre il Bhairava è Nakulesh. Considerato uno dei più santi dei santi in termini di centri di pellegrinaggio indù Shakta, (adoratori di Shiva e Durga / Kali / Shakti), qui passano migliaia di devoti ogni giorno.
Victoria Memorial: è un grande edificio in marmo a Kolkata, nel Bengala Occidentale, in India, costruito tra il 1906 e il 1921. È dedicato alla memoria della regina Vittoria (1819-1901). L'architetto del Victoria Memorial fu William Emerson (1843-1924), presidente del Royal Institute of British Architects. Il design è in stile revivalista indo-saraceno che utilizza una miscela di elementi britannici e moghul con influenze architettoniche veneziane, egiziane, deccaniche e islamiche.
Indian Museum: Il Museo indiano di Calcutta, indicato anche come il Museo Imperiale di Calcutta nei testi dell'epoca dell'India britannica, è il museo più grande e antico dell'India e ha rare collezioni di antichità, armature e ornamenti, fossili, scheletri, mummie e dipinti di Mughal.
Marble Palace: La casa è stata costruita nel 1835 da Raja Rajendra Mullick, un ricco mercante bengalese con la passione per la raccolta di opere d'arte. La casa è in stile neoclassico, mentre il piano con i suoi cortili aperti è in gran parte tradizionale bengalese. Adiacente al cortile, c'è un thakur-dalan, o luogo di culto per i membri della famiglia. L'edificio a tre piani ha colonne corinzie scanalate e ornato di verande con trafori e tetti spioventi, costruiti nello stile di un padiglione cinese. Al termine delle visite, trasferimento in aeroporto.

12° GIORNO - 13 Febbraio: Calcutta - Italia

Alle ore 03.15 decollo da Calcutta per Doha. Arrivo e coincidenza con volo per l’Italia.
Fine dei servizi.

QUOTE PER PERSONA IN EURO

Partenze ogni Sabato
Base 2 partecipanti
PartenzaIn Camera DoppiaIn Camera Singola
02/02/191.9602.650
Base 4 partecipanti
PartenzaIn Camera DoppiaIn Camera Singola
02/02/191.8902.580
Base 6 partecipanti
PartenzaIn Camera DoppiaIn Camera Singola
02/02/191.6902.390
Quota d'iscrizione: € 75
Tasse aeroportuali: € 360
Assicurazione vedi tabella

Gli hotel indicati nell’itinerario possono subire variazioni in base alla disponibilità.

La quota comprende:
1) i passaggi aerei in classe economica speciale con voli di linea Qatar Airways
2) al momento della prenotazione verificate che il nome comunicato corrisponda esattamente
3) a quello riportato sul passaporto. Eventuali spese di riemissione a causa di nomi comunicati errati saranno a carico del cliente.
A tale proposito consigliamo di trasmettere via fax o e-mail la copia del passaporto.
2) per evitare spiacevoli imprevisti preghiamo i cittadini con passaporto straniero di comunicarlo in fase di preventivo, o nel momento stesso della prenotazione, per verificare eventuali visti d’ingresso richiesti.
3) le quote di partecipazione sono calcolate utilizzando una “tariffa aerea speciale” in classe economica. In fase di prenotazione, se non ci fosse disponibilità nella classe speciale, le quotazioni potrebbero subire delle variazioni di prezzo.
• Auto Micro coach-Tempo Traveler con aria condizionata con autista privato parlante italiano per tutta la durata del tour dall’aeroporto di Delhi a quello di Varanasi
• Il trasferimento da/per l’aeroporto di Calcutta
• Pernottamento negli hotel/tende indicati nell’itinerario che possono subire variazioni in base alla disponibilità.
• Trattamento di pernottamento e prima colazione escluso a Allahabad in pensione completa vegetariana.
• I biglietti di entrata ai monumenti e siti come da itinerario
• Giro in rickshaw a Delhi
• Guida locale parlante italiano a Calcutta
• Giro in barca sul fiume Gange a Varanasi

La quota non comprende:
• Tasse aeroportuali indicative (il totale delle tasse aeroportuali sarà riconfermato in base alla compagnia aerea utilizzata ed eventuali fuel surcharge soggetti a riconferma in fase di emissione biglietti aerei)
• Assicurazione annullamento, medico, bagaglio e ritardo volo: consultare tabella
• Bevande, mance facchinaggi ed extra in genere
• Servizi e trattamenti non espressamente indicati
• Eventuali spese per la consegna di bagagli in ritardo
• Visto India circa Euro 100.
India|8
India
Aggiornamento: 05/09/18 14:12